Fipav | Comitato Territoriale Catania

Switch to desktop

Trofeo dei Territori, il bilancio del comitato territoriale della Fipav Catania

Vota questo articolo
(0 Voti)
Una vittoria speciale e un quinto posto. Il Trofeo dei Territori va in archivio a Palermo con la nuova formula del Picciurro e del Memorial Di Pietra, che ha tenuto impegnati i comitati territoriali in questi mesi di attività e di selezione.

CATANIA PRIMA NEL MASCHILE. Cinque vittorie senza perdere un set. Cinque vittorie che riportano Catania sul tetto del Trofeo Picciurro. Una vittoria quella della rappresentativa del Comitato Territoriale della Fipav Catania, storica, perché la prima firmata nel Trofeo dei Territori, promosso quest’anno in corrispondenza della nuova regolamentazione che ha ridotto i comitati da nove federali a sei territoriali in Sicilia.

La nuova formula, con un girone all’italiana, premia la selezione, allenata da Giovanni Bottino, coadiuvato in questa esaltante esperienza da Dario Petrone, Salvatore D’Amico, Adriano Balsamo. Emozioni quelle del trionfo che per tutto il 1 maggio al PalaOreto di Palermo lo staff e i giovani pallavolisti hanno trasmesso attraverso i social, diventati ormai il canale per suggellare sensazioni. Le stesse che Sandro Faro, consigliere territoriale e responsabile delle rappresentative, condivide con il presidente Gambero e il responsabile del Centro di qualificazione territoriale Alessandro Milazzo, nella sua analisi complessiva: “E’ stato speciale – spiega Faro – perché abbiamo condiviso un percorso importante che ci ha visti protagonisti dalla prima all’ultima giornata. Un plauso al nostro selezionatore, che ha portato il pallone a casa, allo staff tecnico che lo ha cooperato con grande abnegazione, e ai ragazzi che hanno partecipato alle selezioni”. Venti i giovani protagonisti della rosa - imperniata sul blocco Roomy - che in questi mesi non si sono risparmiati, lavorando con grande senso di responsabilità.

LA FEMMINILE QUINTA. La rappresentativa femminile chiude in quinta posizione, precedendo grazie al miglior quoziente set l’Akranis. Una vittoria e una sconfitte al terzo che anche con un po’ di fortuna sarebbero potute diventare affermazioni che avrebbero dato una dimensione diversa alla classifica finale. Il responsabile del Centro di qualificazione territoriale, Alessandro Milazzo elogia il lavoro di selezione svolto dallo staff guidato da Ina Baldi, composto da Serena Gelardi, Stefania Russo e Diana Ferraloro. “Sacrifici e passione, abnegazione per un ruolo ricoperto con onore. I risultati non ci premiano, ma va lodato tutto il lavoro svolto senza risparmiarsi”. “Il risultato – conclude Faro - ci spinge a migliorarci. Volevamo a tutti i costi evitare l’ultima piazza e ci siamo riusciti. Nonostante lo straordinario impegno e l’applicazione di tutti i noi, dallo staff tecnico a quello dirigenziale è arrivato il quinto posto, ma potevamo con maggiore fortuna raggiungere una posizione migliore. Dobbiamo subito reagire senza ricercare alibi, interrogarci e ripartire con grande entusiasmo
Ultima modifica il Giovedì, 03 Maggio 2018 14:16

Design Jaweb.it

Top Desktop version

memovie Are you sure that you want to switch to desktop version?